La cronologia di Maometto

From WikiIslam, the online resource on Islam
Jump to: navigation, search
Questa cronologia elenca i maggiori eventi nella vita del Profeta Maometto. Tutti i dati sono approssimati


Data Evento Descrizione
570 D.C. Nascita di Maometto Muhammad ibn ‘Abdullāh (Maometto) è nato nell' "anno dell'Elefante". Suo padre, ‘Abdu’llah ibn ‘Abdu’l-Muttalib, è morto prima della sua nascita, e sua madre, Amina bint Wahb, che rapidamente lo mise alle cure di una balia di nome Halimah.
575 D.C. Ritornato dalla madre Credendo che il giovane Maometto fosse posseduto da un demone, Halimah lo riconsegnò a sua madre.[1]
577 D.C. Morte della madre Dopo la morte della madre, Maometto è stato preso in custodia da suo nonno, Abd al-Muttalib. E dopo la sua morte, da suo zio paterno, Abu Talib.
595 D.C. Matrimonio con Khadijah Maometto sposa la sua ricca, già divorziata due volte, lontana cugina , Khadijah, che successivamente sarebbe diventata la sua prima seguace. Lei ebbe già due figli e una figlia dai suoi precedenti matrimoni, e l'unione tra lei e "l'insignificante" Maometto è un argomento controverso che può quasi portare allo spargimento di sangue.[2] (leggi di più)
610 D.C. La prima “rivelazione” Maometto ricevette quello che lo portò a credere che fosse la sua prima visione ultraterrena, che successivamente la identificò con l'angelo Jibreel (Gabriele) e la rivelazione da Allah. Inizialmente, egli credette che fosse stato posseduto da un demone, e tentò il suicidio, e solo l'angelo lo fermò.[3]
613 D.C. Islam predicato pubblicamente Per la prima volta, Maometto inizia a predicare pubblicamente l'Islam alla Mecca. La sua predicazione è accolta con scetticismo, ed è accusato di plagio nei confronti delle “tavole degli antichi”.[4] Uno dei suoi più severi critici è suo zio, Abu Lahab, che è stato maledetto in nome del Corano.[5] I Meccani chiedono miracoli, ma Maometto non gli da nulla. (leggi di più)
615 D.C. Attriti con i Quraysh Gli attacchi "vergognosi" di Maometto[6] verso le credenze dei pagani causano attriti tra i suoi seguaci e i Quraysh. Maometto permette ai Musulmani di lasciare l'Arabia per l'Abissinia, mentre egli decide di restare e di continuare le sue predicazioni.
619 D.C. Morte di Khadijah La morte della sua ricca ed unica moglie Khadijah, è seguita rapidamente dalla morte di suo zio e protettore, Abu Talib. Dopo non molto, egli chiede ad Abu Bakr la mano di sua figlia di sei anni.
619 D.C. L'incidente dei Versi Satanici Maometto finalmente riconosce Allat, Manat, e al-Uzza, le Dee dei Meccani pagani in una rivelazione. Sentendo questo, i Meccani sono felicissimi. Successivamente, a seguito di una presunta visita dall'angelo Jibreel, Maometto ritratta tutto ed afferma che esse erano le parole del demonio. (leggi di più)
620 D.C. Buraq ed il Viaggio Notturno Maometto riferisce che egli è stato portato a Gerusalemme e poi in Paradiso sul dorso di un mitologico destriero volante chiamato Buraq,[7] ed egli incontrò gli altri profeti. Oltre il sesto paradiso, egli incontrò Mosè che pianse perchè ci sarebbero stati più Musulmani in paradiso rispetto agli Ebrei.[8] (leggi di più)
622 D.C. L'Hijra A causa della crescente ostilità tra i pagani e i Musulmani Meccani, Maometto e i suoi seguaci fuggirono a Medina, dando inizio all'era dell'Hijra del calendario lunare Islamico, e spianando la strada per la metamorfosi di Maometto da un predicatore ad un leader politico e militare.
622 D.C. Consumazione del matrimonio con Aisha Maometto consuma il matrimonio con Aisha, la sua sposa di nove anni. Originariamente quando Maometto chiese la mano di Aisha in matrimonio, suo padre, Abu Bakr, protestò.[9] (leggi di più)
624 D.C. Il raid di Nakhla Maometto ordina il 7° raid alle carovane dei Meccani pagani, un raid che avrebbe segnato l'inizio della violenza in nome dell'Islam. Avvenuto in uno dei quattro mesi sacri nei quali i combattimenti erano proibiti, il capo della carovana dei meccani viene ucciso, e altri due presi prigionieri.
624 D.C. La battaglia di Badr A seguito dei raid alle carovane, i Meccani decidono di rivalersi sui responsabili. Nonostante essi siano in grande inferiorità numerica, i Musulmani sconfiggono i pagani della Mecca; uccidendone almeno settanta e catturandone altri settanta per il riscatto.[10] Tra i prigionieri di guerra c'è Al Nadir, un narratore e poeta che derise Maometto. Ali decapita Al Nadir su ordine di Maometto.[11] Maometto inoltre ordina che altre ventiquattro persone vengano gettate nel pozzo di Badr.[12]
624 D.C. Esilio degli Ebrei Qaynuqa Rompendo un precedente accordo, Maometto e i Musulmani assediano la tribù Ebrea dei Qaynuqa. Maometto inizialmente vorrebbe giustiziare tutti gli uomini,[13] ma a seguito di una richiesta commovente da Abdullah bin Ubayy, egli confisca le loro proprietà e li esilia da Medina.
625 D.C. La battaglia di Uhud Il secondo scontro militare tra i Meccani (comandati da Abu Sufyan) e i Musulmani. A causa dell'eccessiva concentrazione dei Musulmani verso il recupero del bottino invece della vittoria,[14] questa volta i Meccani pagani sconfiggono i Musulmani di Medina, e Maometto stesso è ferito da un attacco di Khalid ibin al-Walid.
625 D.C. Assedio ed esilio degli Ebrei Nadir L'assedio musulmano della tribù ebraica dei Nadir dura due settimane, dopo le quali si arresero. Maometto confisca le loro armi e li esilia da Medina.
627 D.C. La Battaglia della Trincea La Battaglia della Trincea non era affatto una battaglia, ma un assedio durato due settimane. Avendo sentito notizie della forza dell'esercito Meccano in avvicinamento, il compagno di Maometto, Salman il Persiano, consigliò che dovevano essere scavate delle trincee attorno al fronte settentrionale di Medina per prevenire l'invasione dei territori Musulmani da parte degli ostili Meccani. Venuti impreparati per un assedio, l'esercito Meccano si ritirò dopo due settimane.
627 D.C. Il Genocidio degli Ebrei Qurayza A seguito della Battaglia della Trincea, Maometto accusa gli Ebrei di Banu Qurayza di tradimento. Le donne e i bambini che non avevano ancora raggiunto la pubertà sono stati presi come prigionieri dai Musulmani per essere venduti nei mercati di schiavi per cavalli ed armi,[15] e tutti gli uomini che avevano raggiunto la pubertà sono stati decapitati su ordine di Maometto.[16] (leggi di più)
628 D.C. L'Accordo di Hudaybiyya Maometto e i suoi uomini tentano di fare un pellegrinaggio alla Mecca. La sua armata ha incontrato fuori dalla città i pagani della Mecca. Maometto e i pagani Meccani concludono l'Accordo di Hudaybiyya, una tregua di dieci anni.
628 D.C. La conquista di Khaybar Maometto e i Musulmani assediano l'oasi di Khaybar. I combattenti furono uccisi, e le donne e i bambini distribuiti come bottino. Il leader Ebraico, Kinana, viene torturato e decapitato, e la sua giovane vedova, Safiyah, viene presa da Maometto per se. (leggi di più)
628 D.C. Avvelenato a Khaybar Subito dopo la conquista di Khaybar, a Maometto e ai suoi uomini viene servito un pasto con dell'agnello avvelenato da una donna Ebrea di nome Zaynab bint al-Harith, facendolo ammalare. Maometto le domanda,[17] e poi la giustiziarono.[18]
630 D.C. La conquista della Mecca I Musulmani conquistano la Mecca. Maometto cavalca a dorso di un cammello verso la Ka'aba, e lì comincia a recitare dei versi dal Corano, mentre i suoi uomini rimuovono e distruggono qualsiasi cosa che considerano un'idolatria dalla Ka'aba. Questo è il primo di molti luoghi di culto non-Musulmani ad essere convertito con la forza in una moschea. (leggi di più)
630 D.C. Maometto domina l'Arabia I Musulmani prevalgono nella Battaglia di Hunayn contro la tribù beduina di Hawazin e conquistano Ta'if. Facendolo, catturano un enorme bottino, che consiste in 6,000 donne e bambini e 24,000 cammelli. Maometto ora è il dominatore dell'Arabia.
631 D.C. Tutti gli Arabi si sottomettono all'Islam Maometto invia (l'allora convertito) Khalid ibin al-Walid e altri guerrieri alle rimanenti tribù arabiche non-musulmane, costringendole ad accettare l'Islam.[19]
631 D.C. Il raid di Tabuk La spedizione a Tabuk segnò il primo vero atto di aggressione dei Musulmani contro i Cristiani. Due/terzi del mondo cristiano sarebbe stato conquistato prima della tardiva e debole reazione con le crociate. Nel momento in cui Maometto arriva a Tabuk, le truppe bizantine si erano già ritirate. Comunque, i leader Cristiani locali sono obbligati a pagare la Jizyah e di sottomettersi al dominio Islamico.
632 D.C. Il pellegrinaggio dell'Addio Dopo aver completato il pellegrinaggio, Maometto pronuncia il suo famoso sermone che porta all'inizio delle conquiste contro i Cristiani e i Zoroastriani. (leggi di più)
632 D.C. Morte di Maometto Maometto passa i suoi ultimi giorni con Aisha nella sua casa, dalla quale continua a dare ordini e maledire i Cristiani e gli Ebrei. Appoggiato al suo seno,[20] egli infine muore l'8 luglio. Ali (il figlio adottato nonchè cugino di Maometto) riferisce che il pene di Maometto era eretto dopo la sua morte.[21] (leggi di più)


Vedi Anche[edit]

Inglese

  • Timelines - A hub page that leads to other articles related to Timelines
  • Muhammad - A hub page that leads to other articles related to Muhammad

Traduzioni

  • Una versione di questa pagina è disponibile anche nelle seguenti lingue: Inglese. Per altre lingue, vedi la barra laterale a sinistra.

Link Esterni[edit]

Riferimenti[edit]

  1. Guillaume, Alfred, The Life of Muhammad: A Translation of Ibn Ishaq's Sirat Rasul Allah. Oxford University Press, 1955. ISBN 0-1963-6033-1; p. 72.
  2. LIFE OF MAHOMET. Volume II. Chapter 2,WIlliam Muir, [Smith, Elder, & Co., London, 1861], pg. 15-17 23-24
  3. "... Ma dopo pochi giorni Waraqa morì e l'Ispirazione Divina si fermò per un pò e il Profeta (Maometto) si rattristò, dato che abbiamo saputo che più volte volesse lanciarsi giù dalle cime delle montagne più alte e ogni volta che le raggiunse, Gabriele sarebbe apparso davanti a lui dicendo, "O Maometto! Tu sei veramente l'Apostolo di Allah" Dopo di che il suo cuore si quietò e si sarebbe calmato e sarebbe ritornato a casa. E ogni volta che il periodo che precede la venuta dell'ispirazione era lungo, egli avrebbe fatto la stessa cosa di prima, ma quando raggiunse la cima di una montagna, Gabriele sarebbe apparso davanti a lui e dicendogli quello che gli disse le volte precedenti." - Sahih Bukhari 9:87:111
  4. " Queste cose sono già state promesse a noi e ai nostri padri in precedenza! Quelle non sono altro che leggende degli antichi!" - Corano 23:83
  5. "...Il potere di Abu Lahab perirà, e lui stesso perirà. La sua salute e i suoi successi non lo esonereranno . Egli sarà immerso nelle fiamme dell'Inferno, e sua moglie, la trasportatrice di legname, avrà sopra il suo collo un capestro di fibra di palma...." - Corano 111:1-5
  6. Francis Edwards Peters, Muhammad and the Origins of Islam, SUNY Press, p.169
  7. "...E allora un animale bianco più piccolo di un mulo e più grande di un asino fu portato a me." (A proposito di questo Al-Jarud chiese, "Era il Buraq, O Abu Hamza?" Io (i.e. Anas) risposi affermativamente. Il Profeta disse, "L'orma dell'animale (era così grande che) raggiungeva il punto più lontano del limite della portata della vista dell'animale. Io fui portato su di esso, e Gabriele si avviò con me fino al punto in cui raggiungemmo il paradiso più vicino...." - Sahih Bukhari 5:58:227
  8. "...Quando lo lasciai (i.e. Mosè) egli pianse. Qualcuno gli domandò, 'Cos'è che ti fa piangere?' Mosè disse, 'Io piango perché dopo di me è stato inviato (come Profeta) un giovane uomo i cui seguaci entreranno in Paradiso in numero maggiore rispetto ai miei seguaci.'..." - Sahih Bukhari 5:58:227
  9. ".... Il Profeta chiese ad Abu Bakr per la mano di 'Aisha in matrimonio. Abu Bakr disse "Ma io sono tuo fratello."...." - Sahih Bukhari 7:62:18
  10. "....Nel giorno (della battaglia) di Badr, il Profeta e i suoi compagni hanno causato ai 'Pagani la perdita di 140 uomini, settanta dei quali sono stati catturati e settanta uccisi....." - Sahih Bukhari 4:52:276
  11. Jake Neuman - God of Moral Perfection; A Stark Message from God for All Mankind - (2008) Blackwell, p. 211
  12. "....egli [Maometto] comandò che più di venti persone, e in un altro hadith queste erano ventiquattro persone, tra i non credenti dei Quraish vengano gettate nel pozzo di Badr....." - Sahih Muslim 40:6870
  13. Tabari, vol. VII, 86.
  14. "Allah davvero mantiene la Sua promessa a voi quando con il Suo permesso stavate annientando il vostro nemico,-fino a che voi indietreggiaste e discuteste gli ordini, e disobbediste ad esso dopo che Egli vi portò in vista (del bottino) che voi bramavate. Tra di voi ci sono alcuni che bramano dopo questo mondo ed alcuni che desiderano l'Aldilà. Poi Egli vi distolse dai vostri nemici per mettervi alla prova ma Egli vi ha perdonato: perchè Allah è pieno di grazia per coloro che credono." - Corano 3:152
  15. Haykal, Muhammad Husayn (Autore). Al-Faruqi, Ismail Raji (Traduttori). (2002). The Life of Muhammad. (p. 338). Selangor, Malaysia: Islamic Book Trust.
  16. Tafsir Ibn Kathir - The Campaign against Banu Qurayzah
  17. "L'apostolo di Allah si inviò da Zaynab e le disse, "cosa ti ha indotto a fare quello che hai fatto?" Ella rispose, "Tu hai fatto alla mia gente quello che hai fatto. Hai ucciso mio padre, mio zio e mio marito, quindi mi dissi, "Se tu sei un profeta, il braccio te lo dirà; e altri dissero, "Se tu sei un re ci sbarazzeremo di te." - Ibn Sa'd p. 252
  18. "...L'Apostolo di Allah (che la pace sia su di lui) allora diede ordini a riguardo [dell'Ebrea], che venne uccisa..." - Sunan Abu Dawud 39:4496 and Sunan Abu Dawud 39:4498
  19. Ibn Ishaq, 645-646
  20. "...'Aisha aggiunse: egli morì nel giorno del mio solito turno a casa mia. Allah lo prese con Lui mentre la sua testa era tra il mio petto e il mio collo e la sua saliva si mischiò con la mia saliva..." - Sahih Bukhari 7:62:144
  21. "....Abulfeda menziona l'esclamazione di Ali, che lavò il suo corpo dopo la sua morte, "O profeta, il tuo pene è eretto verso il cielo!" (in Vit. Mohammed. p. 140)....." - Edward Gibbon, "The Decline and Fall of the Roman Empire", Vol. 9 Footnote 175